Il mercato degli Info Provider e delle società di informazioni commerciali è sempre più agguerrito e competitivo, quindi si rende necessario per l’azienda puntare alla qualità del servizio per differenziarsi dalla concorrenza e non combattere solo sul prezzo. È fondamentale tenere sempre sotto controllo l’intero processo produttivo e la catena di lavorazione e di indagine in modo da rilevare tempestivamente eventuali criticità e quindi avere la possibilità di gestire eventuali “crisi” e difficoltà senza incorrere in danni per il cliente finale e per l’immagine dell’azienda stessa.

Sicuramente gli aspetti da monitorare e misurare sono la capacità di produzione, tempi di consegna e garanzie in termini di qualità.
Si rende necessario quindi dotarsi di tecnologie definite Supplier Relationship Management (SRM) per migliorare il meccanismo di approvvigionamento con una gestione collaborativa della relazione verso i fornitori ma soprattutto una misurazione costante delle loro performance e della redemption.

Questa rappresenta una delle priorità nelle società che producono informazioni commerciali o gestiscono il recupero dei crediti poichè si avvalgono dei servizi “semplici” di moltissimi fornitori arrivando ad avere un network di collaboratori numeroso su tutto il territorio con metodologie di lavoro diverse tra loro, tempi ed esperienze diversificate.

Ecco che la misurazione costante dell’efficienza del fornitore consente di individuare eventuali aree critiche di gestione ed intraprendere le azioni necessarie per correggere i gap e gestire con metodo il processo.

Ad esempio, inviati i file con le anagrafiche delle pratiche da arricchire con altre info ad un fornitore, il sistema deve permettere di verificare quante richieste sono state effettivamente completate oppure segnalare automaticamente all’Operation Manager (Amministratore) che alcune non sono state completate e quindi non soddisfano i Service Level Agreement (SLA) ossia l’accordo con il quale si definiscono le metriche di qualità del servizio per poter decidere tempestivamente.

Tutto questo lo puoi gestire con il modulo WorkArea Provider dove con alert appropriati è possibile intervenire e decidere quali azioni intraprendere per risolvere la problematica garantendo al cliente il livello qualitativo e i tempi di evasione concordati.
L’Amministratore gestisce così lo stato del servizio e di conseguenza il Rating del fornitore.

Vuoi seguire il free webinar di WorkArea Provider in programma per il 7 luglio prossimo, dove presenteremo tutte le novità della piattaforma?

Prenotati a: info@aimconsulting.it

ARTICOLI CORRELATI

La collaboratività dei fornitori per aumentare l’efficienza

3 novembre 2015

Le Informazioni Commerciali, dal Codice Deontologico al Web!

2 novembre 2015

Quanto è importante l’audit delle pratiche per la Phone Collection?

18 febbraio 2015